Vai al contenuto

Etnologia, Etnografia.

etnologia
Etimologicamente, l'etnografia è “la scrittura di persone”, studiando in modo descrittivo le società umane. L'etnografia è il punto di partenza di altre discipline e tecniche di ricerca. Gli studi etnografici non entrare in confronti, né di teorie, ma sono collezioni di dati descrittivi dei villaggi.
La prima fase della ricerca consiste in: osservazione e descrizione; che è a dire, che lavora nel campo (campo di lavoro), facciamo una descrizione sistematica delle idee e dei comportamenti degli individui di una cultura che si ottiene dall'osservazione partecipante e le interviste durante il lavoro di campo.

La descrizione di etnografia è quello di presentare l'organizzazione della società, dalla prospettiva di indigeni; l'etnografia è come un libro di grammatica: dovrebbe consentire per capire come funziona una cultura.Monografia etnografica: è Necessario includere una sezione introduttiva in ambito ecologico, storico, economico, sociale, organizzazione, organizzazione politica, giuridica e organizzazione ideologica.

Etnologia: Studio comparativo dei popoli. Pertanto utilizzato il metodo comparativo, cercando la regolarità di comportamento che vengono influenzati da ragioni ecologiche, storiche o per il proprio le dinamiche interne del gruppo. Si differenzia dall'etnografia, in quanto cerca di dare spiegazioni che vanno oltre la mera descrizione.

Etnologia è interessato alle idee e modelli di comportamento relative alle abitudini e stili di tecnologia (tecniche artigianali); economico (produzione, scambio, distribuzione, commercio); sociale (la parentela, la famiglia, il matrimonio); politica (il potere, l'autorità, la coercizione), legali (trattati, eredità); e ideologica (visione del mondo, la magia, la religione, l'arte e la musica).Lo scopo dello studio di etnologia è quello di interpretare le somiglianze e le differenze tra società e culture, e di stabilire le generalizzazioni sull'umanità.Ha accresciuto l'interesse per la collocazione storica delle culture, è per questo che alcune volte è stato chiamato per l'etnologia, la storia culturale.

Antropologia sociale:

Antropologia sociale:

possiamo dire che l'antropologia sociale è l'insieme delle discipline del etnografico ed etnologico. Pertanto, l'antropologia sociale studia le relazioni tra le persone e tra i gruppi, le istituzioni sociali come la famiglia, la parentela, i gruppi di età, l'organizzazione politica, la legge, le attività economiche.

Antropologia culturale:

Antropologia culturale

Comprende discipline come l'archeologia e la linguistica.

Antropologia archeologica:

Antropologia archeologica:

si Ricostruisce la culture e la loro evoluzione attraverso lo studio dei materiali. Il processo è quello di raccogliere dati archeologici e di loro, dopo il loro studio, abbiamo dedurre tecnologie, economia, organizzazione sociale, le convinzioni religiose, ecc

Linguistica, antropologia linguistica studio della lingua, le sue origini, il suo sviluppo e la sua struttura. L'antropologo linguista è interessata al ruolo di lingua nelle diverse culture. Questo studio permette una migliore comprensione dei popoli; in breve, l'antropologo, il linguaggio è interessato al modo in cui esse riguardano la lingua e la cultura.

Osservazione partecipante:

Ha per guadagnare la fiducia, mostrando simpatia per il modo di vita dei nativi.Dopo aver raggiunto l'empatia o l'identificazione con i nativi, l'antropologo può utilizzare i propri sensi e sentimenti, come gli strumenti che scegliere quale direzione prendere nelle interviste, osservazioni e ipotesi.La cura deve essere presa per non prendere le reazioni dell'antropologo, come prova di uno stato emotivo di alcune sue informatore: per questo motivo si deve registrare.Il campo di lavoro dovrebbe ricordare e analizzare, il generale e il particolare.La quantità di eventi che sono stati osservati, deve essere rimosso uniformità.

Il processo di osservazione partecipante:
Obiettivo è quello di produrre i dati per la ricerca.

È quello di osservare e partecipare:
Nota: per vedere come le cose accadono, ma sapendo che guardando mai ammonta a guardare.Osserviamo non solo con i sensi; inoltre si osserva con le nostre categorie: con le nostre idee e con le nostre ipotesi. Ciò di cui abbiamo davvero vedere è la distanza mentale dalla nostra osservazione per il fatto osservato.

Ci sono osservatori che andare a caccia; vogliamo vedere le armi con cui cacciano gli informatori, non siamo interessati a ciò che vanno a caccia, ci interessano le tue braccia, dobbiamo vedere queste armi in azione. I più diversi e lontani, è l'obiettivo, la più teso l'arco che le unità di osservazione. Siamo alla ricerca di una preda: i loro strumenti simbolico-interpretativo.A caccia di preda non è sufficiente a dare il massimo e a presentare. Abbiamo bisogno di imparare a usare i loro strumenti di caccia, che è il motivo per cui si partecipa, dunque impariamo i loro modi e mezzi, che il dialogo e la convivenza; abbiamo bisogno di imparare a utilizzare i loro strumenti, che danno un senso alla loro società.Non può essere visto senza un esame critico della teoria, ma un approccio di problemi dal punto di vista della disciplina antropologica. Non stiamo andando a
a trovare nulla se non sappiamo cosa stiamo cercando, ci dice che cosa dobbiamo cercare, è l'esplicita ipotesi di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *